frevvy buy office 2016 key 100% genuine Outlook 2016 Product Key. Outlook 2016 Key Activate both 32 bit and 64 bit, not including CD-ROM Windows 10 Key online Windows 10 Home Key Office Professional Key sale buy Office Professional 2013 Key http://www.productkeysale.com buy cheap windows 10 key buy cheap office 2016 key buy cheap office 2013 key purchase Windows 10 Professional key

Chi siamo

L’art. 15 della Legge 266/91 prevede che gli enti di cui al comma 1 dell’art. 12 del Decreto Legislativo n. 356 del 20.11.1990 (cosiddette Fondazioni di origine bancaria) debbano destinare una quota non inferiore ad un quindicesimo dei propri proventi alla costituzione di Fondi Speciali presso le regioni al fine di istituire Centri di Servizio (CSV) a disposizione delle Organizzazioni di Volontariato (OdV), e da queste gestiti, con la funzione di sostenerne e qualificarne l’attività.

L’art. 2 del D.M. 8.10.1997 prevede l’istituzione presso ogni regione di un Fondo Speciale, nel quale sono contabilizzati i suddetti importi resi disponibili dalle Fondazioni di origine bancaria.

Il Fondo Speciale è amministrato da un Comitato di Gestione (Co.Ge.) che resta in carica per un biennio ed è composto da 15 membri, così individuati:

  • 7 nominati dalle Fondazioni di origine bancaria
  • 1 nominato dall’Associazione fra le Casse di Risparmio italiane
  • 4 nominati in rappresentanza delle Organizzazioni di Volontariato iscritte al Registro Regionale del Volontariato e maggiormente presenti nel territorio della regione
  • 1 nominato dalla Regione Piemonte
  • 1 nominato in rappresentanza degli enti locali della regione
  • 1 nominato dal Ministero per la Solidarietà Sociale

Il Comitato di Gestione resta in carica per un biennio, decorrente dal giorno successivo alla scadenza del mandato previsto per il Comitato precedente. La carica di membro del Comitato di Gestione è gratuita.

Lo scopo fondamentale del Comitato di Gestione è quello di garantire, attraverso l’azione dei Centri di Servizio, il corretto utilizzo delle risorse messe a disposizione dalle Fondazioni di origine bancaria per sostenere l’attività delle Organizzazioni di Volontariato.

Il Comitato di Gestione esercita un potere di controllo sull’operato dei Centri di Servizio, attraverso la continua verifica dell’effettivo svolgimento da parte degli stessi di attività espletate in concreto a favore delle OdV. In particolare, le funzioni del Comitato sono:

  • istituire i Centri di Servizio, previa individuazione e pubblicizzazione dei criteri di istituzione;
  • istituire l’Elenco regionale dei Centri di Servizio e pubblicizzarne l’esistenza;
  • ripartire annualmente, fra i Centri di Servizio istituiti presso la regione, le somme del Fondo Speciale;
  • nominare un membro degli organi deliberativi e un membro degli organi di controllo dei Centri di Servizio;
  • ricevere i rendiconti dei Centri di Servizio e verificarne la regolarità nonché la conformità ai regolamenti;
  • cancellare dal suddetto elenco regionale i Centri di Servizio, nel caso in cui siano stati definitivamente cancellati dai registri istituiti ai sensi dell'art. 6 della legge n. 266 del 1991, qualora venga accertato, con la procedura di cui all'art. 6, commi 4 e 5, della legge n. 266 del 1991, il venir meno dell'effettivo svolgimento delle attività a favore delle Organizzazioni di Volontariato, qualora appaia opportuno una diversa funzionalità e/o competenza territoriale in relazione ai Centri di Servizio esistenti, ovvero in caso di svolgimento di attività in modo difforme dai propri regolamenti o in caso di inadempienze o irregolarità di gestione.

In Piemonte, il primo Comitato di Gestione si è insediato il 23 luglio 1996.

In data 17 luglio 2014, il Comitato, tenuto conto della progressiva diminuzione dell’entità del Fondo Speciale degli ultimi anni, ha ritenuto necessario ridurre il numero dei Centri di Servizio da 9 a 5 e modificarne la competenza territoriale, passando da CSV provinciali a CSV di macrozona.

A tal fine, il Comitato ha deliberato di cancellare dall’Elenco regionale dei Centri di Servizio le Associazioni CSVASTI, Idea Solidale e A.CSV Novara, tenuto conto che tali Associazioni hanno rinunciato alla propria funzione di Centro di Servizio.

Pertanto, dal 1 gennaio 2015 in Piemonte sono attivi solo i sotto elencati Centri di Servizio per le seguenti cinque macrozone:

  1. macrozona Torino (provincia di Torino): V.S.S.P., denominato dal 1 gennaio 2015 “Volontariato Torino”, siglabile “VOL.TO”;
  2. macrozona Alessandria-Asti (province di Alessandria e di Asti): CSVA, denominato dal 1 gennaio 2015 “Centro Servizi Volontariato Asti Alessandria”, siglabile “CSVAA”;
  3. macrozona Cuneo (provincia di Cuneo): Associazione per il Volontariato Società Solidale;
  4. macrozona Vercelli-Biella (province di Vercelli e di Biella): A.CSV, denominato dal 1 gennaio 2015 “Centro Territoriale per il Volontariato”, siglabile “CTV”.
  5. macrozona Novara-VCO (province di Novara e del Verbano Cusio Ossola): Solidarietà e Sussidiarietà, denominato dal 1 gennaio 2015 “Centro Solidarietà e Sussidiarietà – Servizi per il Territorio”, siglabile “CST”;

I Centri di Servizio hanno lo scopo di sostenere e qualificare l’attività di volontariato. A tal fine erogano gratuitamente le proprie prestazioni sotto forma di servizi a favore delle Organizzazioni di Volontariato iscritte e non iscritte nel Registro Regionale. In particolare, fra l’altro:

  • approntano strumenti e iniziative per la crescita della cultura della solidarietà, la promozione di nuove iniziative di volontariato e il rafforzamento di quelle esistenti;
  • offrono consulenza e assistenza qualificata nonché strumenti per la progettazione, l’avvio e la realizzazione di specifiche attività;
  • assumono iniziative di formazione e qualificazione nei confronti degli aderenti ad Organizzazioni di Volontariato;
  • offrono informazioni, notizie, documentazione e dati sulle attività di volontariato locale e nazionale.